Tutto il mio folle amore un film di Gabriele Salvatores

tutto-il-mio-folle-amore-139394.660x368.jpg

vc6su10

Vincent un ragazzo autistico dalla nascita vive la sua vita in una bolla d’orata, avendo nella sfortuna la ventura di essere stato adottato da un uomo molto abbiente. La madre del ragazzo tuttavia non sembra accettare la malattia del figlio a differenza del padre adottivo molto ben predisposto a entrare nel mondo di Vincent. La vita scorre piatta e monotona benché in una benigna bambagia, tra corsi di equitazione speciali e nuotate nella piscina privata, finché il padre biologico del ragazzo, fuggito sedici anni prima non appena appresa la notizia della gravidanza della madre  di Vincent, riappare portando confusione ma anche ilarità e grande libertà. Salvatores per questo film si è ispirato a una storia vera. Il cast è interessante, il giovane Giulio Pranno è molto bravo e calato nel ruolo, mi ha ricordato per certi versi Leonardo Di Caprio in Buon compleanno Mr.Grape. La pellicola tuttavia non è di facile visione, mai lo è quando si parla di malattia. Il regista cerca di rendere l’intera vicenda sarcastica e divertente, molto in questo contribuisce Diego Abatantuono. Nel complesso però le vicende mi hanno portato una stretta al cuore e benché sono d’accordo che si tocchino temi così importanti, non ho particolarmente amato questo film, trovandolo scollegato dalla realtà e eccessivamente buonista. Nella trama per esempio si tiene solo in parte conto delle difficoltà della gestione di un ragazzo con questo problema e addirittura la madre Elena viene tacciata come superficiale e svogliata, mentre il padre biologico quasi come un eroe, dopo essersi lavato le mani del figlio per sedici anni. Una visione che consiglierei solo in parte visto che benché si plani con leggerezza sul problema, in realtà c’è più da dire di quando si dica. 

 

 

 

SEGNALAZIONI / Figli delle stelle, le origini un romanzo di DAVIDE BARONI

images

Cover_Baroni.jpg

Sinossi :

Un borgo misterioso. Un segreto millenario. Un gruppo di archeologi in pericolo. Eva non ha mai tentato Adamo… nell’Eden non esiste alcun albero di mele. “Figli delle stelle – Le origini” vi farà scoprire l’arcano e ripercorrere la storia fino alle origini dell’uomo. Un noir avvincente, ricco di colpi di scena, dove nulla è quello che sembra.

Estratto : 

citazione .jpg

images

70627612_2253476418108733_7130923992411537408_n

Il mondo è tuo un film di Romain Gavras

poster.jpg

vc5su10

François un ragazzo proveniente dalle periferie parigine, ha un sogno. Uscire dal circolo negativo in cui si trova, tra spaccio e delinquenza. Stufo del suo capo  pazzoide e della bellissima ma asfissiante madre, piccola criminale con l’ossessione del gioco d’azzardo, François decide di tentare l’ultimo colpo per realizzare il suo progetto di aprire un’attività in Magreb, sotto il marchio di Mr Freez. Affiancato dal suo padrino appena uscito di prigione e da Lamya la ragazza di cui è innamorato, inizia l’avventura. Tutto molto inverosimile, il regista gioca con il paradosso, dove tutto sembra andare male. Molti dei passaggi non sono chiari e anche i protagonisti restano sempre un pò distaccati dal ruolo non risultando molto credibili, anche la presenza di Vincent Cassel non risolve molto le maglie di questa trama. Di positivo tuttavia ho trovato il messaggio che mi ha dato questo film, ossia che la felicità spesso è nella semplicità.

Foto-1Foto_2

I Am Mother un film di Grant Sputore

locandina_I_am_a_mother

vc6su10

Una realtà distopica, in cui l’umanità è solo un ricordo. Un laboratorio, un androide e lei, l’unica della sua specie, l’ultimo essere umano. Figlia e Madre. Nessun nome,  tanta disciplina, studio ma anche una parvenza di reale e disinteressata dolcezza. Figlia cresce rapidamente e come insito nell’animo umano inizia a risentire della forzata solitudine e comincia a dubitare e a sperare di non essere l’unica. Figlia inizia a sospettare che Madre non le abbia raccontato la verità sulla fine degli uomini così decide di contravvenire alle regole del droide e prova a uscire dalla sua prigione, fatta di metallo e luci intermittenti, in cui tuttavia non mancano cibo e sicurezza. Un film con un inizio interessante e promettente, coinvolgente e a tratti lievemente ansiogeno. Una lezione di diffidenza e di condanna verso una specie egoista e parassitaria come la nostra. Il finale, sfortunatamente si fa un pò confuso e il ruolo di Hilary Swank è poco credibile e scarsamente definito. In pratica l’attrice sembra messa lì come specchietto per le allodole per richiamare l’attenzione del pubblico. Il cast, sebbene ridotto all’osso comunque non mi è dispiaciuto ma è proprio la storia che si allunga su punti non essenziali e taglia dove sarebbe stata necessaria una spiegazione maggiore. 

Recensione del “Il gioco del re” un romanzo di Flavio Passi

images

Il gioco del re

Fabio, uomo di successo, 33 anni titolare di diverse agenzie immobiliari, conduce una vita agiata, tra  piaceri e divertimento. I soliti amici di sempre e un grande successo con le donne. La felicità per alcuni, tuttavia pare essere una chimera, l’anima sembra essere sempre inappagata e alla ricerca di qualcosa di diverso. Dopo l’incontro con una misteriosa donna la vita di Fabio riceve una scossa che farà crollare le sue certezze come un castello di carte. Erotismo, perversione, una realtà celata negli angoli più oscuri e sinistri dell’animo umano. Prende così vita un gioco sempre più spinto, tra ossessione, desiderio e passione. Amore oppure solo un gioco crudele  dove scindere tra realtà e manipolazione diventa difficile e doloroso? 

images