Klaus – I segreti del Natale un film di Sergio Pablos

MAGICAMENTE ORIGINALE 

KLAUS-I-SEGRETI-DEL-NATALE-poster-locandina-2019.jpg

Vc8su10

Jesper è il tipico figlio di papà, abituato agli agi e ai privilegi della classe benestante. Il padre del ragazzo prova in tutti i modi a inserire il figlio all’interno delle poste, dove lui stesso ricopre un ruolo di grande importanza. Jesper tuttavia non ne vuole sapere di lavorare e di faticare e ogni ruolo sembra inadatto al ragazzo. Il padre esasperato dal comportamento smidollato del figlio decide di punirlo e spedirlo in un remoto paesino immerso tra i ghiacci, dove a differenza degli altri paesi il servizio postale non riesce a decollare. Jesper con la speranza di ritornare ai fasti e agli agi proverà il tutto per tutto per far come si deve il suo lavoro spingendo gli abitanti del remoto paese a scrivere e spedire lettere. Paradossalmente grazie ai bambini e a un solitario  boscaiolo di nome Klaus, che ha talento nella fabbricazione dei giochi, darà il via a una tradizione che ancora adesso è seguita dai piccoli di molte parti del mondo. La cosa più difficile oggi come oggi è avere un’idea davvero originale, Sergio Pablos al suo debutto come regista a mio avviso ci riesce dando alla leggenda di Babbo Natale un taglio nuovo, plausibile e interessante. Ogni elemento è molto curato e non manca la morale più importante che sta dietro al gesto del regalo e del Natale stesso, poiché non è solo in questo periodo che si diventa più buoni, ma lavorando insieme e cooperando per raggiungere un nobile obbiettivo comune. Nella storia manca difatti l’eccessivo buonismo e la leziosità che solitamente caratterizzano questo genere di film rendendolo così non stucchevole e godibile. Un film d’animazione bello anche per gli adulti. 

I Am Mother un film di Grant Sputore

locandina_I_am_a_mother

vc6su10

Una realtà distopica, in cui l’umanità è solo un ricordo. Un laboratorio, un androide e lei, l’unica della sua specie, l’ultimo essere umano. Figlia e Madre. Nessun nome,  tanta disciplina, studio ma anche una parvenza di reale e disinteressata dolcezza. Figlia cresce rapidamente e come insito nell’animo umano inizia a risentire della forzata solitudine e comincia a dubitare e a sperare di non essere l’unica. Figlia inizia a sospettare che Madre non le abbia raccontato la verità sulla fine degli uomini così decide di contravvenire alle regole del droide e prova a uscire dalla sua prigione, fatta di metallo e luci intermittenti, in cui tuttavia non mancano cibo e sicurezza. Un film con un inizio interessante e promettente, coinvolgente e a tratti lievemente ansiogeno. Una lezione di diffidenza e di condanna verso una specie egoista e parassitaria come la nostra. Il finale, sfortunatamente si fa un pò confuso e il ruolo di Hilary Swank è poco credibile e scarsamente definito. In pratica l’attrice sembra messa lì come specchietto per le allodole per richiamare l’attenzione del pubblico. Il cast, sebbene ridotto all’osso comunque non mi è dispiaciuto ma è proprio la storia che si allunga su punti non essenziali e taglia dove sarebbe stata necessaria una spiegazione maggiore. 

What/If una serie di Mike Kelley

AD OGNI COSTO, MA CON AMORE 

What-If-Netflix-Season-1.jpg

Vc8su10.png

What/If è una serie thriller statunitense nata dall’ingegno di Mike Kelley.  La protagonista femminile Lisa, interpretata dalla talentosa Jane Levy (che visivamente ricorda moltissimo la collega Emma Stone) giovane, dolce e brillante scienziata, scopre una formula rivoluzionaria per curare il cancro. Mossa da nobili ideali, investe tutta sé stessa in questo progetto. Il  sistema capitalistico  americano, manovrato dai poteri economici forti delle case farmaceutiche, non vede di buon occhio la scoperta di Lisa e cerca di affossarla sul nascere, sotto il falso movente dell’etica negando i fondi per il suo sviluppo. Quando tutto sembra perduto subentra nella vita della protagonista la nota e spietata imprenditrice Anne Montgomery (interpretata da Renée Zellweger) che fa alla ragazza un’offerta molto strana e ambigua, a fronte di un ingente investimento. Ribaltando e ampliando notevolmente l’idea già usata nel noto film anni ’90 Proposta indecente di Adrian Lyne, Kelley crea una trama molto ben strutturata dove nulla è causale. Vengono anche sviluppate delle story line secondarie e indipendenti all’interno della serie, in particolare quella tra Angela, il marito di lei e l’ ex amante di quest’ultima, quasi a creare un parallelismo tra il peggio del maschile e femminile, in cui basta una scelta sbagliata per attivare un circolo vizioso di grande sofferenza. Storie avvincenti sotto molti punti di vista, ottima analisi psicologica dei protagonisti. Capendo dove vuole andare a parere il regista, alcuni colpi di scena possono essere intuiti facilmente ma non per questo la serie perde d’interesse. Il cast è buono, ma per mio gusto personale troppo “patinato”, tutti troppo belli per essere veri. Le uniche che mi hanno davvero colpito sono state Jane Levy e Renée Zellweger. Consigliato comunque agli appassionati dei thriller psicologici. 

55449c4b8d1804929716031c6b8da48b1a16099c.jpg

The Perfect Date un film di Chris Nelson

FAME DI TENEREZZA

cover-1.jpg

Vc9su10

Brooks Rattigan è un ragazzo brillante, affascinante e intelligente. Figlio di uno scrittore decaduto e abbandonato dalla madre in tenera età. Sogna successo, lusso, ricchezza e belle donne. Per arrivarci è disposto a lavorare sodo non solo a scuola. Il suo obiettivo è entrare in una delle università più prestigiose del paese. I soldi  che ricava dal suo lavoro di cassiere/cuoco in un fast food non sono sufficienti, così grazie a un bizzarro espediente inventa un nuovo tipo di lavoro, “l’amico in affitto”.  L’idea di base non è così originale,  tuttavia viene sfruttata in maniera eccellente. In buona sostanza si tratta di una commedia romantica rivolta principalmente agli adolescenti. Gli attori rischiano di essere fin troppo brillanti per la loro età, ma sono molto bravi soprattutto Noah Centineo, perfetto come protagonista e anche Laura Marano nel ruolo di Celia Lieberman. Non ci sono colpi di scena, l’epilogo è molto scontato ma in questo frangente non è così importante, poiché quello che conta è il messaggio. In un epoca come la nostra dove i rapporti umani sono letargici, più virtuali che reali c’è voglia di  qualcosa di vero, di essere ascoltati e capiti. Questo è valido ovviamente a tutte le età, solo che in adolescenza si sente ancora di più. Un film leggero che consiglio caldamente, mi colpi così soltanto dieci cose che odio di te di Gil Junger, che aveva come protagonista l’oramai prematuramente scomparso Heath Ledger. 

TPD_EMM_DAY17_0153.0

Frontiera una serie di Rob Blackie e Peter Blackie

OH MY GOD

frontier-660x325.jpg

Vc1su10 

Visto il mio amore per l’arte del grande e piccolo schermo ci tenevo molto a fare questa recensione.  Non posso esimermi dall’essere davvero spietata, poiché  dopo la tortura a cui sono stata sottoposta seguendo questa serie che di buono ha forse solo Jason Mamoa ( e dico forse perché qui fa schifo pure lui come attore) mi devo davvero sfogare. Il parto dei fratelli Blackie deve essere il frutto di un amore incestuoso tra fratelli, peggio che i frutti dei figli dei personaggi di Martin nel Trono di Spade. A confronto ogni altra serie che possa non essere piaciuta tipo Shannara diventa un capolavoro di rara bellezza. La trama è inutile che ve la racconto perché non c’è, o se c’è manco Pa di OA riuscirebbe a trovarla. Gli attori sono terribili, non se ne salva nemmeno uno. Gli episodi sembrano montati alla cavolo, come quando sei di fretta e prendi ciò che capita dall’armadio. In questa serie troviamo personaggi principali che spariscono , come Evan Jonigkeit nel ruolo del Capitano Chesterfield, che conquista tutta la mia ammirazione visto che si sarà reso conto che la sua carriera sarebbe crollata a picco  presenziando oltre tempo a questa parodia,  decidendo  letteralmente di sparire dalla terza stagione come un abile  David Copperfield. Di questa sparizione i due registi non si sono dati pace e quindi hanno semplicemente smesso per un pò di parlarne, poi in fase avanzata hanno accettato l’abbandono e ne hanno decretato la morte, non si sa bene in quali circostanze. Lo avrà ucciso Mamoa per pietà? O semplicemente il personaggio si è buttato dalla scogliera? Non ci è dato saperlo e dovremmo accettare questo status quo. Il finale di serie poi, tocca l’aulico dell’assurdo. Non vorrei svelarlo per non fare spoiler, ma in questo caso dovreste pregarmi di farlo per una volta spoiler perché voi questa serie non la dovrete vedere a meno che non dobbiate scontare qualche penitenza o siate in vena di ironia collaterale. 

frontiera1

“Perché perché ho accettato questo ruolo? Che avevo per la testa? Non cercatemi mai più? Chiaro!”