Pan – Viaggio sull’isola che non c’è un film di Joe Wright

locandina_pan.jpg

Vc6su10

Una donna corre frettolosamente per la strada, porta con sé qualcosa di misterioso, si tratta di un bambino. Il piccolo viene abbandonato dinanzi a un orfanotrofio e così inizia la storia di un nuovo bimbo sperduto. Se tutto però sembra amaro e senza speranza per il piccolo Peter le cose cambieranno in fretta, poiché lui non è davvero un ragazzino come gli altri. Un film per i più piccoli in cui tutto è ovattato e gli spari finiscono in nuvole colorate, dopotutto sull’Isola che non c’è tutto è possibile. Molto belli gli effetti speciali e tenera la trama, lascia però un senso d’incompiuto poiché lo spettatore dal primo minuto si chiederà senza ricevere risposta cosa porterà James e Peter a diventare acerrimi nemici… domanda che resta forse in sospeso in previsione di un sequel? Pan rimane comunque una pellicola carina da guardare in famiglia. 

pan--trailer--film-2015--trama--cast--hugh-jackman-default

 

Umano dopotutto può essere abbastanza

 “Hanna” diretto da  Joe Wright

immpg2

(valutazione 3 su 5)

Da sempre all’essere umano non basta mai quello che è. Sembra che siano richieste capacità quasi sovraumane per poter emergere nella nostra società. A chi non piacerebbe parlare più lingue, avere nozioni di anatomia, una valente prestanza fisica e notevoli abilità di auto difesa. Molti sarebbero disposti a sacrificare tutto, poco prezzo sembrano i sentimenti che ci rendono troppo deboli, così umani. Il precario equilibrio tra rifiuto e accettazione di non essere abbastanza è il fulcro centrale di questo film. A chi pensa che il mondo non sia un posto sicuro, può sorge il dubbio che non saremmo mai abbastanza letali per sopravvivere. Hanna resta nel limbo di questo dilemma, bambina nata e cresciuta con un unico scopo: uccidere. Il film è coinvolgente, i personaggi sono molto realistici e convincenti, a tratti ci sono delle pecche che rovinano la poesia della trama, questo lo rende un film godibile ma non un capolavoro. Il messaggio che vuole dare tuttavia arriva forte e chiaro, dopotutto non importa quello che una persona sa fare “Basta non mancare il cuore”, Hanna il mio l’ha compito. Ciò non toglie che i bambini non dovrebbero giocare con le armi, ma giocare e basta. L’infanzia non si tocca e non torna. Non esistono bambini cattivi, ma bambini che purtroppo non hanno altra scelta.

Pubblicato anche nella sezione pubblico su: http://www.mymovies.it/film/2011/hanna/pubblico/?id=676431

Un vostro riscontro è sempre gradito, un like, un commento o un segnale di fumo!

Greca_Film_Telefilm

Home – Indice Recensioni Film