I Am Mother un film di Grant Sputore

locandina_I_am_a_mother

vc6su10

Una realtà distopica, in cui l’umanità è solo un ricordo. Un laboratorio, un androide e lei, l’unica della sua specie, l’ultimo essere umano. Figlia e Madre. Nessun nome,  tanta disciplina, studio ma anche una parvenza di reale e disinteressata dolcezza. Figlia cresce rapidamente e come insito nell’animo umano inizia a risentire della forzata solitudine e comincia a dubitare e a sperare di non essere l’unica. Figlia inizia a sospettare che Madre non le abbia raccontato la verità sulla fine degli uomini così decide di contravvenire alle regole del droide e prova a uscire dalla sua prigione, fatta di metallo e luci intermittenti, in cui tuttavia non mancano cibo e sicurezza. Un film con un inizio interessante e promettente, coinvolgente e a tratti lievemente ansiogeno. Una lezione di diffidenza e di condanna verso una specie egoista e parassitaria come la nostra. Il finale, sfortunatamente si fa un pò confuso e il ruolo di Hilary Swank è poco credibile e scarsamente definito. In pratica l’attrice sembra messa lì come specchietto per le allodole per richiamare l’attenzione del pubblico. Il cast, sebbene ridotto all’osso comunque non mi è dispiaciuto ma è proprio la storia che si allunga su punti non essenziali e taglia dove sarebbe stata necessaria una spiegazione maggiore. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...