Self/less un film di Tarsem Singh

Il prezzo dell’immortalità

selfless-postert

vc6su10

Da sempre la paura della morte e il desiderio di vivere per sempre ha ispirato autori e registi, che in modi diversi tra il mistico e lo scientifico hanno affrontato questo tema. Singh approccia all’argomento in maniera originale realizzando un prodotto che non stupisce del tutto ma si fa guardare fino alla fine. Damian Hale, industriale miliardario scopre di avere un tumore. Da fonti misteriose viene a conoscenza  dell’esistenza di una tecnica sperimentale costosissima chiamata “shedding”. Questa “terapia” gli permetterà di abbandonare per sempre il suo corpo vecchio e malato, ormai una scomoda e fastidiosa prigione, per rivivere in un corpo giovane ed aitante. La procedura ha miracolosamente successo e dopo l’annuncio ufficiale della morte del magnate, il  giovane Damian deve imparare a convivere con il suo nuovo corpo, in cui le cose non sono da subito semplici. Sin dal principio appare chiaro che la sua vita non sarà favolosa come gli è stato prospettato, a causa di una dipendenza a delle subdole pastiglie rosse che hanno lo scopo di impedire il rigetto del nuovo corpo. Non mancherà tuttavia lo spasso e il divertimento fino alla noia che sfocerà in una ricerca della verità sullo shedding rivelando il vero prezzo morale che l’ospite del nuovo corpo dovrà sopportare. Finale prevedibile ma che tutto sommato fa sognare l’impossibile, poiché è vero che non c’è nulla di peggio che perdere chi si ama.

selfless-709297.jpg

Greca_Film_Telefilm

HOME – INDICE RECENSIONI FILM

Annunci

Un pensiero su “Self/less un film di Tarsem Singh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...