Monster un film di Patty Jenkins

QUANDO L’UNICO AMORE

CHE CONOSCI SI CHIAMA ODIO

1

(Voto 9 su 10)

Da vedere? Si, ma molto impegnativo

Un film forte, crudo e cruento, una storia che probabilmente non si voleva conoscere, un grido d’aiuto che non sarà ascoltato da nessuno. Non è piacevole pensare al lato oscuro e perverso del mondo, è più facile far finta che non esista.  Un film del 2003 che non ho mai avuto il coraggio di vedere, nonostante Charlize Theron; un’interpretazione la sua che ha dell’incredibile. In questa pellicola diventano protagoniste la mediocrità e la bassezza, nonché l’ultima persona che la storia vorrebbe ricordare, una prostituta omicida che ci racconta la sua vita e ci introduce nel suo spietato e precario mondo. Vi sono in gioco molti temi etici: il bigottismo nei confronti dell’omosessualità, le perversioni degli uomini che affollano le strade in cerca di piacere a pagamento e la vita incompiuta di una donna che cerca il suo posto nel mondo senza trovarlo. Nel caso di Aileen Wuornos la giustizia ha fatto il suo corso ed in un modo imprevedibile e non lontanamente desiderabile le ha regalato una forma perversa di fama, quasi una beffa rispetto ai suoi romantici sogni infantili.  Per questo voglio concludere la recensione con il monologo di apertura del film, in cui una dolce bambina interrotta sognava solo di essere vista e amata.

“Sì, avevo un sacco di sogni. Forse voi mi prenderete per una vera romantica, però io credevo sinceramente che un giorno questi sogni si sarebbero avverati. E così stavo lì ore e ore.Con il passare degli anni ho imparato a non confessarlo più agli altri, dicevano: sono tutti sogni. Ma a quel tempo io ci credevo con tutto il cuore, e così quando mi sentivo giù mi nascondevo coi miei pensieri nell’altra mia vita dove ero un’altra persona. Mi piaceva l’idea che tutta quella gente non sapesse chi sarei diventata, tanto prima o poi l’avrebbero visto. Avevo sentito dire che Marylin Monroe era stata scoperta in un negozio a vendere bibite e pensavo che anche a me sarebbe potuto succedere, e così ho incominciato da giovanissima ad andare in giro a cercare segretamente la persona che mi avrebbe scoperto. Era questo. O magari quest’altro. Chi può dirlo? Anche se non potevano farmi arrivare fino in cima come Marylin, potevano comunque credere in me quanto bastava, mi potevano vedere per quello che ero in grado di diventare, pensare che ero bellissima come un diamante grezzo, potevano condurmi verso la mia nuova vita, il mio nuovo mondo dove tutto sarebbe stato diverso.Sì, ho vissuto tanto tempo in questo modo, nella mia testa, sognando così. Era bello ma un giorno è finito tutto.

I due volti di Charlize Theron

Greca_Film_Telefilm

Home – Indice Recensioni Film

Annunci

2 pensieri su “Monster un film di Patty Jenkins

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...