QUARTO CAPITOLO di “SKEGGIA 8 – Episodio I: I segreti dei Morigerati”

La sala comune della Virdrop&Co, illuminata dalle sole luci di emergenza, aveva un’aria sinistra a quell’ora della notte. Ethan osservava pensieroso il panorama dalla grande vetrata fumando una sigaretta.

«Anni di evoluzione per fumare ancora quella roba.» esordì Didi. Ethan sorrise ammiccante senza dire nulla aspirando in maniera ancora più profonda. Didi proseguì: «Una missione di livello 8 e sei ancora tutto intero. Notevole.». Ethan continuò a fissare il vuoto e l’oscurità davanti a sé, mostrando disinteresse per la conversazione. «Ho capito. Vuoi restare solo. Come sempre del resto.» concluse Didi amaramente.

«Cosa ne sai tu delle bische?» chiese lui ad un tratto.

Didi si fermò e lo osservò sospettosa. «Tu cosa vorresti sapere?»

«La prossima quando si terrà?»

«Cosa ti fa pensare che io ne sia informata? Ho smesso con quella roba.»

Ethan non si prese nemmeno la briga di guardarla e restò in silenzio circondato dal fumo evanescente e dalla semioscurità. Didi si allontanò spedita con quella sensazione di malessere che si prova quando si vorrebbe solo piangere. Sapeva benissimo che ad Ethan non importava nulla delle corse, cosa che non era altrettanto vera per la bellissima Ariane, unico grande amore del bel tenebroso. Una ragazza veramente avvenente, bionda e formosa nei punti giusti e con grandi occhi celesti, sportiva, dolce e letale allo stesso tempo. Ariane aveva il brutto vizio di eccellere in tutti i campi che a Didi stavano a cuore, sia nelle bische che nell’amore. Un’ammirata cacciatrice di taglie sbucata dal nulla e stimata dai più.

L’ascensore non era sicuramente all’avanguardia ma a suo modo, tra scricchiolanti incertezze, faceva il suo lavoro. Il padiglione 6 si trovava all’ultimo piano del palazzo, non era autorizzato a nessuno l’accesso lassù, non che ci fosse qualcosa di memorabile da vedere. Si trattava nei fatti di una grande sala comune in disuso da tempo, illuminata dalle sole luci della strada, priva di mobili o sedie, in cui regnavano polvere ed immondizia dato che Doc non inviava nemmeno i droni pulitori. Non vi era forma vivente che ambisse a stare in quella squallida ala. Didi aveva sottratto il pass dallo studio di Doc e ne aveva fatto una copia, per risparmiare sui costi i padiglioni inattivi non erano sorvegliati e per Didi era un luogo meno claustrofobico della sua angusta camera. Lì se non altro poteva essere sé stessa, una giovane ragazza che aveva solo bisogno di essere amata.

«Quindi è qui che sparisci quando tira una cattiva aria.» esordì un’inaspettata figura maschile.

Didi si fece prendere di soprassalto, nessuno l’aveva mai seguita al padiglione 6. Sbalordita alzò il capo. Accovacciata su quel pavimento con il trucco sbavato dalle lacrime dimostrava meno dalla sua età, una bambina sola in un universo sconfinatamente grande.

«Cosa diavolo ci fai qui?» esordì Didi riprendendo un minimo il controllo.

«Niente. Mi annoiavo. Mi chiedevo se…» disse Dalton viscidamente.

«Non sono una puttana Dalton. Se hai dei bisogni non sarà con me che li soddisferai.»

«Spiro mi ha detto che ci sai fare alla grande. Non c’è bisogno che fai la timida con me.» insisté Dalton. Didi lo fulminò con gli occhi e fece per alzarsi in piedi ma Dalton le fece cenno di calmarsi. «Dai sto solo scherzando. Lo so che Spiro racconta un sacco di cazzate.» disse Dalton schernendola. Poi proseguì: «Quindi tu sei la figlia della famosa Irina Reynols?». Didi sembrava essere ripiombata nello stato catatonico in cui Dalton l’aveva trovata e provò a non prestargli alcuna attenzione. «Dalle mie parti in molti stimano tua madre. Ha catturato criminali di alto livello. Non conviene a nessuno mettersi contro di lei.»

«Buon per lei.»

«Non ti piace molto parlare di tua madre?»

«Sinceramente preferirei baciare uno striker che sentire elogi su quella stronza. Ma se vuoi continua pure.»

«Non deve essere facile per te reggere il confronto con una figura come la sua, lo posso capire… poi dopo quel brutto incidente con l’Actopos… mi stupisco che tu sia ancora sul mercato, non so se mi spiego. Doc ha avuto coraggio ad assumerti.»

«Sei venuto qui per farmi incazzare, Dalton o come ti chiami. Siete tutti bravi voi, ma tu cosa hai fatto di tanto memorabile?» rispose Didi furente.

«Per cominciare non ho schiantato una navicella da milioni di diga su una base org.»

Didi si alzò spazientita e si diresse verso Dalton divisa tra furia e rabbia. Tuttavia era abituata a quel genere di trattamento e non poteva litigare con qualunque attaccabrighe che le si palesasse davanti. Avrebbe voluto morire mille volte in quello schianto piuttosto di vedersi rinfacciato il suo fallimento in ogni istante della sua vita. Sapeva bene che non era dipeso da lei, che era un’ottima pilota e che quel Dalton non avrebbe nemmeno saputo avviare l’Actopos. Restava ad ogni modo il fatto che di quell’evento non conservava memoria, si era risvegliata nell’ospedale militare della B&B con un rapporto disciplinare che parlava di errore umano ed una lettera di sospensione immediata da tutti gli incarichi. A nulla erano valse le sue proteste, la dichiarazione che i comandi erano stati manomessi e che una cellula orbitante era stata sganciata prima della collisione. Il rapporto negava tutto, persino la manovra di emergenza che le aveva permesso di non compiere una strage. Sapeva per certo che la base org non era stata distrutta dalla sua navicella ma le mancavano le prove. Tentò in ogni modo di scagionarsi ma più tentava di fare ricerche più sembrava che l’enigma s’infittisse. Informatori morti, file occultati e distrutti. Era stata la pedina di un gioco più grande di lei del quale non conosceva le regole. Fino a quando ci mise una pietra sopra e decise di riprendere in mano quello che restava della sua vita prima che altri innocenti dovessero pagare il prezzo della verità.

Didi passò accanto a Dalton limitandosi a sfiorarlo bruscamente e senza proferire parola.

«Dai non te la prendere. Stavamo solo parlando. Capita a tutti di sbagliare. Certo non a tutti di causare quasi una guerra civile …» disse lui ridendo.

«Mi guarderei bene dal fare lo stronzo con me. Ci hanno provato in tanti sai. E indovina? Di loro non si è mai più sentito parlare, mentre di me si dicono sempre tante cose.» rispose Didi tagliente.

«Si dice anche che hai rimesso in piedi la Skeggia e che tornerai a correre.» continuò Dalton. Didi si immobilizzò all’istante, la sicurezza e la tutela dell’identità nelle bische stava cominciando a vacillare pesantemente se anche un rifiuto di Trides sapeva della sua passione per le corse. «Non ti preoccupare, la mia è una passione innata. Ho dato fondo a tutte le mie capacità persuasive per scoprire chi pilotasse la Skeggia. Un’umana che potesse competere a quei livelli con gli striker, stentavo a crederci.» disse Dalton in visibilio.

Didi non si voltò ma le sue labbra si curvarono in un timido sorriso e i suoi occhi riacquisirono una luce che ormai avevano perso da tempo. «Sei mai stato ad una bisca Dalton Blue?» chiese lei ammiccante restando comunque di spalle.

«Ho visto molti video a riguardo.» ammise lui.

«Io parlo di una bisca vera ed in tempo reale. Dubito che a Trides sappiano di cosa stia parlando.»

—> Prosegui con il QUINTO CAPITOLO <—

Torna all’elenco dei 6 capitoli gratis

Oppure torna alla pagina di Skeggia 8

Annunci

2 pensieri su “QUARTO CAPITOLO di “SKEGGIA 8 – Episodio I: I segreti dei Morigerati”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...